•fuori sacco thalassa•

Roma, la Bella Addormentata

Cittadini chiusi in casa, città svuotate come vittime di un incantesimo. La pandemia sembra quasi aver riportato indietro nel tempo le nostre città, svuotate dalle automobili e dall’inquinamento. Una realtà che dovrebbe spingerci a ripensare i nostri modelli di vita per costruire un futuro a misura d’uomo.
Enzo Cappucci ci mostra una Capitale svuotata, ma talmente bella da sembrare solo addormentata

Vele abbiamo fatte a finestra

La veleria Bianchi e Migliori di Fiumicino ha messo a punto un dispositivo utile nell’emergenza coronavirus.
Si tratta di una paratia per le auto, che separa il conduttore dai passeggeri: un ulteriore dispositivo di sicurezza per taxi, noleggi con conduttore e auto aziendali, da abbinare alle mascherine e, naturalmente, ai finestrini che lascino entrare un po’ d’aria fresca.
Il servizio è di Enzo Cappucci

Cristo è rifiorito a Ponza

Nell’isola di Ponza, nella chiesa dei Santi Domitilla e Silverio, è germogliata la corona di spine del Cristo, un cordone di rovi secchi realizzato e donato alla chiesa dai pescatori ponzesi: un segno di speranza, dice il Parroco, Don Ramon Fagnardo.

 

Con Pelù la puliamo di più!

Pulizie straordinarie per la spiaggia della Feniglia, all’Argentario, dove la rockstar Piero Pelù, insieme con Legambiente, ha radunato centinaia di volontari per liberare dalla plastica una delle più belle spiagge d’Italia. Dalla Feniglia l’inviato Enzo Cappucci

Sydney to Hobart, la vela fa Natale

Da 75 edizioni la cornice è sempre la stessa, lo spettacolo del Sydney Harbour, la magnifica baia della città giardino, dove i grattaceli e i prati fioriti si specchiano in mare. E non c’è velista australiano che nel suo cassetto non abbia il sogno di mettersi in mare per attraversare lo stretto di bass e lasciarsi alle alle spalle le 628 miglia, oltre 1000 e cento chilometri, che separano la metropoli australiana da Hobarth, la capitale dello stato australiano della Tasmania. In questa edizione odierna le condizioni meteo sono piuttosto clementi, forse fin troppo, con brezze leggere, ma non sempre questo è un mare amico, perché è capace di trasformarsi in un inferno, come nel 98 quando una tempesta investì la flotta, decimandola e reclamando sei vite. da allora la regata è stata riservata ai soli professionisti, rinunciando alla partecipazione popolare che l’aveva animata sino ad allora. la cronaca dice che ben 5 barche sono adesso racchiuse in poche miglia, con in testa una barca di Hong Kong, Scallywag. ma tutto potrebbe presto cambiare, perché il vento che sinora non ha brillato, secondo le previsioni potrebbe alzarsi nelle prossime ore fino a raggiungere i 30 nodi, ovvero quasi sessanta kilometri orari, e spingere così i velocissimi maxi yacht, 30 metri di lunghezza, capaci di allungare il passo e di portarsi in testa. forse non di battere il vecchio record di un giorno, nove ore, 15 minuti e 24 secondi, ma certamente di vincere.

Bissaro-Frascari, campioni del mondo!

foto © Matias Capizzano

La vela italiana conquista il titolo del mondo in una classe spettacolare, quella del catamarano Nacra 17, deriva olimpica, proprio alla vigilia delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Nelle acque di Auckland, in Nuova Zelanda, Maelle Frascari e Vittorio Bissaro raccolgono il testimone di un altro equipaggio azzurro, campione uscente.
Il servizio è di Enzo Cappucci