Argentario Sailing Week 2019, chiusura in bellezza

Si è conclusa a Santo Stefano la XX edizione della settimana delle vele d’epoca. Ancora una volta un successo di partecipazione e di pubblico, corso ad ammirare i fantastici velieri d’altri tempi, autentici concentrati di fascino e tradizione. In una giornata conclusiva corsa in un clima ideale per la vela -sole, vento medio e onda corta- i vincitori di giornata sono: Vintage Aurici: Viola (Fife Willam III – 1908 – Belkin Kostia); Vintage Marconi: Comet (Sparkman & Stephens -1946 -Woodward – Fisher); Classic: Corsaro II (Sparkman & Stephens – 1961 – Marina Militare); Spirit of Tradition: Toi e Moi (Dykstra Naval Architects – 2018 – Alessandro Rinaldi).

La classifica finale vede al primo posto Viola (William Fife III – 1908 – Kostia Blekin – Francia) nei Vintage Aurici; Comet (Sparkman & Stephens -1946 – Woodward-Fisher – Svizzera) nei Vintage Marconi; Ojalà (Sparkman & Stephens – 1973 – Susan Carol Holland – UK) nei Classici; Toi e Moi (Dykstra Naval Architects – 2018 – Alessandro Maria Rinaldi – Italia) negli Spirit of Tradition.

Pantelleria, un’isola pantesca!

Panteschi si definiscono gli abitanti di questa perla al cuore del Mediterraneo, talmente vicina all’Africa che all’orizzonte si distingue chiaramente il Capo Bon tunisino, un promontorio che si trova a poche decine di chilometri a nord di Tunisi.
Il suo mare è non solo profondo, ma è soprattutto pulito, al punto da essersi conquistato le “5 vele” che l’organizzazione ambientalista Legambiente e il Touring Club italiano attribuiscono a quelle località meritevoli, che si siano distinte per la qualità delle acque, ma anche per la qualità del territorio e dell’offerta turistica.
E qui Pantelleria vanta un altro primato, quello del Parco Nazionale che ingloba la quasi totalità dell’isola, con la sola esclusione dei centri abitati.
Insomma, una garanzia di legalità e di salvaguardia ambientale a protezione dell’isola e della sua identità, fatta naturalmente del celebre passito, il prezioso vino liquoroso, ricavato da vigne così speciali e da una cultura della loro coltivazione che sono valse a questa tradizione secolare il sigillo dell’Unesco, come bene dell’Umanità.
Ma anche, e questo è un altro titolo Unesco, dei muretti a secco di pietra nera pantesca, che proteggono le vigne, gli ulivi ed i capperi di questo francobollo di terra in mezzo al mare, disegnando arabeschi tortuosi in tutta la campagna.

 

Pantelleria a gonfie vele

L’isola ottiene le Cinque Vele per la qualità del suo mare

Nel cuore del Parco

Il Parco Nazionale dell’Isola di Pantelleria, tra mare e terra

 

Pantelleria, patrimonio Unesco

Forse unico posto al mondo, l’isola possiede due straordinari attestati Unesco come patrimonio immateriale dell’Umanità. Sono il sistema di coltivazione dei vigneti e i muretti a secco. Due elementi identitari di quest’isola.

 

Il sangue d’oro

Lo Zibibbo dal quale si ricava l’oro di Pantelleria, il vino Passito

Bermudes 1000 Race, Pedote sul podio

Brillante prestazione del velista toscano che col suo Prysmian Groupe, il nuovo Imoca 60, si classifica al terzo posto in questa regata in solitario, triangolo atlantico tra la Gran Bretagna, le isole Azzorre e la costa francese. Primo al traguardo il francese Sébastian Simon, a bordo di Arkéa Paprec, seguito dal connazionale  Yannik Bestaven con Maitre Coq e un ritardo di 3 ore e 15 minuti.

Un eccellente banco di prova per la prossima Vendée Globe, il giro del mondo in solitario e senza tappe, al quale cercano di qualificarsi oltre 30 velisti, la gran parte – nemmeno a dirlo- francesi.
Duemila miglia lasciandosi alle spalle il celebre scoglio irlandese del Fastnet, raramente un ambiente amico, e lanciarsi sulle Azzorre, da doppiare prima di fare rientro in costa, ma stavolta su quella francese, nella bella e affascinante Brest, capitale bretone della vela che conta.

L’ha vinta un giovanissimo di talento, Sébastien Simon, 28 anni, ultima tra le molte  vedettes di quella “cantera” di fortissimi velisti oceanici che la Francia produce in continuazione, senza sforzo apparente.
Per percorrere le 2 mila miglia (sulla carta…) del percorso Simon ha impiegato 7 giorni, 17 ore,34 minuti e zero secondi, lasciandosi alle spalle il più maturo Yannik Bestaven, 44 anni, giunto con 3 ore, 13 minuti e 20 secondi di ritardo.  
Terzo il fiorentino francesizzato, Giancarlo pedote, che dopo un passato con i Mini Transat è ora ( e finalmente per lui) approdato su di un IMOCA 60, ovvero le barche d’eccellenza, deputate a disputare la più affascinante e dura delle regate a vela, la Vendée Globe, ovvero l’Everest della vela: il giro del mondo in solitario e senza scalo che partirà il prossimo anno dalla Vandea francese.
Giancarlo, che da alcuni anni vive in Francia, proprio per realizzare il suo sogno “mondiale”, è giunto al traguardo con il suo Prysmian con un ritardo di 3 ore, 15 minuti e 45 secondi dal vincitore, ma a soli 2 minuti dal secondo classificato.
E’ un bell’esordio con l’Imoca 60, che Pedote ha curato meticolosamente e caparbiamente nella sua messa a punto e nella rigenerazione in cantiere, dopo l’acquisto usato.
Non è infatti un progetto di ultima generazione, ma sembra potersela vedere con i migliori, anche se a confronto con il menù del giro del mondo questa Bermuda 1000 Race non è neppure un antipasto.

Pedote dixit

“È stata una gara davvero pazzesca, iniziata con un’immersione per rimuovere una scotta impigliata sotto la chiglia della barca: non è stato un inizio in grande stile, che mi ha rallentato parecchio. Successivamente, mi sono occupato solo della mia e della mia velocità, poi ho pianificato la mia strategia senza pensare agli avversari. Sono riuscito a mantenere la calma, anche nei momenti difficili. Ma la mossa decisiva è stata nelle ultime 50 miglia: ero 4° sottovento rispetto al gruppo composto da Sam Davies e Yannick Bestaven e Maxime Sorel. Rimanere accodato non avrebbe portato a nulla e così ho deciso di provarci. Osservato le correnti, ho pensato che se il vento si fosse spostato a nord, avrebbe potuto uscirne una bella manovra. Mi sono buttato e alla fine ce l’ho fatta”.

“Avrei potuto quasi virare tre minuti prima, per infastidire il mio amico Yannick, ma sono felice della mia prestazione. È stato davvero un finale incredibile. Siamo arrivati tutti e quattro in meno di otto minuti! Sono davvero contento della mia gara, la prima sul circuito IMOCA. Quando debutti in una nuova classe, non sai mai come devi comportarti. È stato veramente interessante gettarmi a capofitto in questa nuova imbarcazione, scoprirla e metterci mano. Ho concluso che ero sfinito, ma sono veramente contentissimo”.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

🍾🍾🍾

Un post condiviso da Bermudes 1000 Race (@bermudes1000race) in data:

Plastica, le tartarughe soffocano

Nel giorno dedicato al mare vi portiamo al centro di recupero delle tartarughe marine di Legambiente a Manfredonia, in Puglia. La plastica che purtroppo riempie i nostri mari è il loro peggior nemico.
L’inviato Enzo Cappucci

Porto Ercole, un Memorial da tenere a memoria

Sotto la guida del Circolo della Vela e della Nautica dell’Argentario, del suo’ insostituibile presidente Claudio Boccia e dell’ infaticabile Augusto Massaccesi, a Porto Ercole, all’Argentario, si è celebrato un fine settimana di grande vela, con la Coppa Regina dei Paesi Bassi, Memorial Edoardo Donadi e la presenza di tanti campioni di Coppa America. Tutti insieme per ricordare un amico scomparso prematuramente e che ha lasciato un segno profondo nel mondo della vela. Ma soprattutto con l’affollata partecipazione dei portercolesi, le associazioni, la Nuova Scuola Vela, i Bimbi Tutti Insieme, che hanno fatto da cornice festosa a un evento che può soltanto crescere.

Patrizio Bertelli, niente maneggioni per la Coppa America

Torben Grael, Francesco De Angelis, Max Sirena, Pietro D’Alì e la loro chioccia per eccellenza, il patron di Luna Rossa Patrizio Bertelli, anche lui all’Argentario per ricordare un amico e celebrarlo così, con una partecipazione ad una regata dei sentimenti e degli affetti, in nome degli Amici di Edo. Quindi Liam Percy, di Artemis.
Ma è stato solo l’ultimo degli eventi organizzati in un fine settimana di bel sole primaverile, iniziato già il venerdì, con la partenza della 42 esima edizione della Coppa Regina dei Paesi Bassi, una bella passeggiata verso l’Isola di Montecristo e ritorno, 116 miglia, che partita con un maestrale tra i 10 ed i 15 nodi, ha finito però per esaurirsi senza vento, costringendo molti concorrenti al ritiro.
L’ha vinta in ogni caso Luduan 2.0, un nuovissimo Gs 48, col tempo di 20 ore 6 minuti e 36 secondi e un vantaggio di 1 ora e 30 minuti sul secondo classificato Bangherang Evo, un’Azurée 46. Epica la prova di Galahad, un cutter bermudiano degli anni ‘50, che ha concluso la regata in poco più di 33 ore.
Poi è stata la giornata della scuola di vela dei grandi campioni che hanno fatto da chioccia ai ragazzini di Porto Ercole, usciti in mare per tutto il sabato sui piccoli ma sicuri Laser Bahia: a turno, su quattro derive, hanno provato la brezza e l’ebbrezza di trovarsi in mare con dei velisti olimpionici, almeno 100 bambini.
Infine, la domenica, la regata degli Amici di Edo, una bella passerella davanti a Porto Ercole, a cui hanno partecipato poche ma “sentite” barche, in nome e nello spirito di un amico scomparso.
Anche qui ha vinto Luduan, seguita da una barca d’antan, uno ior degli anni 80 rimesso a nuovo come da vetrina, Vanessa, che aveva Torben Grael al timone e in pozzetto Patrizio Bertelli, il Sig. Luna Rossa. Il patron, ma in questo caso anche un amico.

La regata dei sentimenti, gli Amici di Edo
Le associazioni portercolesi

Il campione e il bambino
La Nuova Scuola ASA

Oggi le scuffie
La Nuova Scuola ASA

Nel Regno di Ischia, il mare di Nettuno

 

Le aree marine protette rappresentano una ricchezza per i territori che le ospitano. Santuari della diversità marina e biologica, E’ il caso del Regno di Nettuno, l’area protetta del mare di ischia, sui cui fondali stanno tornando a crescere i coralli.

Nel Regno di Nettuno

 

Le aree marine protette rappresentano una ricchezza per i territori che le ospitano. Santuari della diversità marina e biologica, E’ il caso del Regno di Nettuno, l’area protetta del mare di ischia, sui cui fondali stanno tornando a crescere i coralli. 

 

Fiv, il Velista dell’anno sono due

Anche quest’anno la vela italiana ha celebrato i suoi Oscar, con l’assegnazione del premio Velista dell’anno Federazione Italiana Vela, andato per la seconda volta consecutiva alla coppia Caterina Banti e Ruggero Titta, astri del catamarano olimpico Nacra 17. Le cerimonia si è svolta a Roma, nella cornice di Villa Miani.
Il servizio è di Enzo Cappucci

Belpaese, il mare ci sommergerà.

Secondo uno studio dell’Enea se non si pone rimedio alle emissioni di anidride carbonica fra 80 anni l’Italia sarà sommersa in varie parti dal Mediterraneo che si innalzerà in media di oltre un metro. a rischio diverse città, a cominciare da Venezia.