Miceli, adesso si ricomincia!

Raggiunto al telefono a bordo della nave che lo ha tratto in salvo, il navigatore solitario romano Matteo Miceli, ci racconta la disavventura del suo naufragio in Atlantico, quando mancavano appena un paio di settimane al trionfale rientro a Roma, a conclusione del giro del mondo senza scalo.

C’è rabbia in Matteo per come è andata e malinconia per la barca perduta, fedele compagna di viaggio fino al naufragio nei pressi dell’equatore e dopo aver navigato i mari del Sud, gli oceani più infidi e spettacolari del Pianeta, in cinque mesi di navigazione.
E altra malinconia per non aver potuto salvare la sua gallina, la superstite delle due portate con sé che gli hanno fatto molte uova e anche molta compagnia. Continua a leggere

Matteo si rovescia, persa la chiglia!

Matteo Miceli è sano e salvo, recuperato da un mercantile dopo il rovesciamento del suo Eco 40, che ha perso la chiglia. Sbarcherà in Brasile nei prossimi giorni. Svanisce il sogno di completare il giro del mondo in solitario e senza scalo, a sole due settimane dal previsto ritorno a Roma, da dove era partito il 19 ottobre scorso. Ma resta comunque una grande impresa.

Soccorso Miceli

Purtroppo ci sono cattive notizie: Matteo ha perso la chiglia (sia lama che bulbo) e Eco40 si è rovesciata. Matteo sta bene, è sulla zattera di salvataggio con cibo, acqua e telefono satellitare di emergenza per cui può comunicare con noi. Una nave che si trova a 10 miglia da lui sta andando a recuperarlo. Continua a leggere

Matteo Miceli, ancora un Grande Capo

Roma Ocean World, il velista solitario italiano lanciato verso Capo Horn, tra raffiche di vento e bonacce.

Il giro del mondo in solitario e senza scalo: 36 mila miglia di mare, oltre 70 mila chilometri. Questa l’impresa in cui si cimenta Matteo Miceli, velista romano, partito lo scorso ottobre da Riva di Traiano (Civitavecchia) e oggi giunto al suo 93 esimo giorno di navigazione. Continua a leggere

Roma Ocean World, Miceli e tre oceani di solitudine

Schermata 2014-10-21 alle 14.44.00Domenica 19 ottobre, Matteo Miceli, velista solitario, è salpato da Roma per un giro del mondo che lo porterà a circumnavigare l’Antartide, prima di far ritorno nel mare della Capitale, a Riva di Traiano, Civitavecchia. 28 mila miglia senza scalo, alle prese con i mari più infidi e spettacolari del pianeta, in totale autosufficienza energetica e alimentare. Eppure, il velista dello Yacth Club Favignana, non è del tutto solo perché porta con sè due amiche, una bionda e una mora.

Matteo Miceli, il giro del mondo con una bionda e una mora.

Este 40 1Domenica 19 ottobre, Matteo Miceli, velista solitario, salperà da Roma per un giro del mondo che lo porterà a circumnavigare l’Antartide, prima di far ritorno nel mare della Capitale, a Riva di Traiano, Civitavecchia. 24 mila miglia senza scalo, alle prese con i mari più infidi e spettacolari del pianeta, in totale autosufficienza energetica e alimentare. Eppure, il velista dello Yacth Club Favignana, non è del tutto solo perché porta con sè due amiche, una bionda e una mora.

Roma Ocean Word Locandina Este 40 1 Chiara Zarlocco e Matteo Miceli 5