Vendée Globe, due uomini in porto

Spread the love

Dopo 74 giorni di navigazione solitaria e senza scalo attraverso i mari più infidi e spettacolari del pianeta, al timone di una barca a vela in grado di raggiungere velocità da motoscafo, il 39enne francese Armel Le Cleac’h vince l’edizione 2016-2017 della Vendée Globe, la regata più dura del mondo, l’Everest del mare come la chiamano alcuni.

Una vittoria fortemente desiderata dallo skipper bretone, alla sua terza partecipazione, dopo i due secondi posti consecutivi nelle ultime due edizioni. Questa volta Armel centra l’obiettivo e stabilisce il nuovo record di percorrenza – 74 giorni 3 ore 35 minuti e 46 secondi – migliorando di 4 giorni il record di François Gabart su Macif che nel 2013 aveva fermato il cronometro a 78 giorni 2 ore 16 minuti e 40 secondi.

Tre oceani di solitudine e 27.455 miglia percorse alla velocità media di 15,43 nodi (contro le 28.646 miglia di Gabart a 15,3 nodi).

Questa notte ha tagliato il traguardo anche il secondo classificato, Alex Thomson su Hugo Boss. Per il velista inglese si tratta della quarta partecipazione, dopo due ritiri consecutivi nelle edizioni 2004 e 2008 e un terzo posto nel 2012, sempre alle spalle di Le Cleac’h.

Il loro duello è stato intenso come una regata di “match race” ma su un campo di regata grande quanto il pianeta Terra, con passaggio obbligato sotto le tre temibili “boe” di Capo di Buona Speranza, Horn e Leeuwin in una completa circumnavicazione antartica.

E’ stata anche l’edizione che ha decretato il definitivo successo dei foils, appendici idrodinamiche che consentono agli scafi di sollevarsi dall’acqua riducendo gli attriti e l’impatto con le onde.

Sette delle 29 imbarcazioni partite lo scorso 6 novembre da Les Sables d’Olonne erano dotate di questo sistema e quattro di loro occupano le prime 5 posizioni della classifica (ancora provvisoria).

Nei prossimi giorni è atteso l’arrivo (ampiamente scaglionato) della restante flotta ancora distribuita tra Oceano Pacifico e Atlantico.
Un’attesa che, come da tradizione, sarà molto lunga visto che il concorrente attualmente in ultima posizione, Sébastien Destremau, si trova a circa 2000 miglia da Capo Horn e ha davanti a sé ancora 9 mila miglia (circa 30gg alla sua media attuale).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *