Coppa America, all’ultimo respiro

Spread the love

Il detentore americano Oracle è riuscito nell’incredibile impresa di vincere sette regate consecutive e di pareggiare così il conto delle otto regate conquistate. Stasera l’ultima regata mozzafiato: chi vince conquista il trofeo più antico dello sport.

Sembrava impossibile, ma evidentemente non lo era. Emirates Team New Zealand conduceva per otto regate a una e le bastava una sola vittoria per riconquistare la Coppa America e riportarla in una paese dove la vela è la seconda religione nazionale insieme al rugby.

Ma non ce l’ha fatta: dal 18 settembre non è ha più indovinata una, rivelandosi incapace di interrompere l’incredibile serie di vittorie americane.

Il fatto è che Oracle ha compiuto passi da gigante, migliorando la propria imbarcazione in pochi giorni, approfittando di sospensioni delle regate forse generose, che l’hanno certo avvantaggiata, ma mostrando una determinazione e un talento fuori dal normale, dovuto in larga parte all’equipaggio multinazionale di campioni olimpici, ma anche alle capacità del suo organizzatore, il neozelandese Russull couts vincitore di 4 coppe america, sotto tre diverse bandiere, oggi felice manager del pozzo di denaro messo a disposizione dal patron di Oracle, Larry Ellison.

Oracle è di fatto alle prese con la terza generazione dei multiscafi AC 72 di Coppa America, evidenziando i limiti di quello di Emirates Team New Zealand, che per ammissione dei suoi stessi protagonisti è al massimo delle sue potenzialità.

Ma la mossa vincente di Oracle sta apparentemente nell’aver recuperato a bordo un campione subito decisivo, l’americano john costecki, dieci volte campione del mondo e medaglia olimpica, salito in barca il 12 settembre scorso: da allora è iniziata la irresistibile marcia di Oracle.

Ieri sera New Zealand è stata alla pari per la prima parte della regata, poi è lentamente scaduta accumulando infine 54 secondi di ritardo.

Questa sera, sfida all’ultimo respiro, chi vince conquista il Trofeo velico più importante, il più antico del mondo dello sport.

Diretta sul canale dedicato di YouTube dalle ore 22.45 circa

Il servizio di Enzo Cappucci

YouTube Preview Image

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *